Agenzia Reuters: Voci su prelievo forzoso dei conti correnti in Italia

Share

prelievo-forzoso-in-italia-agenzia-reuters-voci

E’ in arrivo un prelievo forzoso dai conti correnti in Italia secondo quanto riportato dall’agenzia di stampa inglese Reuters in relazione ad un articolo comparso sul sito Dagospia. Le voci sempre più rumoreggianti parlano di un prelievo che corrisponderebbe ad una percentuale pari allo 0,8%, ma il governo italiano smentisce.

Secondo fonti giornalistiche vicine all’agenzia di stampa Reuters sono sempre più incessanti le voci e i rumors tra gli addetti ai lavori, riguardanti l’arrivo imminente di un prelievo forzoso dai conti correnti in Italia per una percentuale pari allo 0,8%. Il governo italiano ha smentito le voci che circolano da ieri circa l’arrivo della nuova tassa sui depositi bancari a cui starebbero lavorando i tecnici del ministero dell’Economia. Il ministero dell’Economia definisce la notizia “totalmente destituita di ogni tipo di fondamento” e qualsiasi ipotesi di prelievo sui depositi bancari. La replica del Tesoro replicava ieri sera a un articolo del sito Dagospia che parlava nuovamente di una tassa pari allo 0,8% a cui starebbero lavorando i tecnici di via XX Settembre.

Resta ancora nella memoria il prelievo forzoso avvenuto poco tempo fa a Cipro, una condizione imposta dall’Europa affinché il paese potesse accedere ad un prestito di 5,8 miliardi di euro a fronte della propria crisi. Gli amministratori a Cipro hanno scelto di tassare non del 15% i depositi sopra i 100mila euro, bensì del 37,5%, ovvero il cipriota che era andato a letto con un deposito all’attivo di minimo 101mila euro, appena sveglio si sarebbe ritrovato la bellezza di 64,5 mila euro. Tutto fu organizzato e avvenuto nel giro di una notte.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>